domani è un altro giorno!!!

Dovevo capirlo dal mio risveglio che non sarebbe stata una giornata tranquilla….

Ore 4.00 del mattino: mi sveglio…ma cos’è questo mal di stomaco? No non può essere… e invece si…ATROCE ATTACCO DI FAME NOTTURNA…ma come è possibile? Non succede solamente nei film??

No no…è reale. Io ho fame. Le possibilità sono due:

a)      panino con il prosciutto

b)      resistere (in nome della dieta) e provare a riaddormentarsi…

la tentazione di cedere all’opzione a e’ tanta, ma quel briciolo di forza di volontà che ancora abita in me mi permette di riaddormentarmi.

Ore 9.30 : suona il cellulare. “Ma come? Non doveva suonarmi alle 10.00? si sono sicura doveva suonarmi alle 10.00”  era stato tutto pianificato…alle 10.30 dovevo andare a prendere silvia sotto casa e poi dovevamo andare insieme a fare l’esame di inglese…eppure….sono le 9.30…un messaggio…”chi cazzo è a quest’ ora?” penso… <cri sono al commissariato di polizia che sta al Verano, poi ti spiego. Puoi venire a prendermi ora qui? Baci,silvia>

Ore 10.20: con stampata in faccia ancora un espressione sopreso-assonnata sono al verano, comincio a farmi delle domande: ma mi saro’ messa i calzini? Ma sono sveglia o sto sognando? Esistono gli alieni? Dov’e’ silvia? Come si dice “voglio moriì” in inglese? Ma chi consiglia quegli orrendi cappellini alla regina di Inghilterra? ….la meditazione viene interrotta da silvia che sfoggia il suo miglior sorriso… “dovevo portare delle cose a papà –mi dice- andiamo a fare l’esame” non ho la forza di ucciderla…obbedisco.

11.30 : sono all’università  in mezzo a persone che litigano per avere silvia al loro fianco…vedo sguardi di odio e odi grida del tipo “ no lei deve suggerire a me!” “no a meeeeeeeeee”….sangue, distruzione e morte… io mi dissocio

13.30 :esame di traduzione sul buco dell’ozono:FINITO. Silvia mostra un altro sorriso dei suoi…io ho paura. “mi accompagni a lavoro a vernicino?” “certo silvia”…ed eccoci qui…di nuovo sulla matiz rufus, io lei e Anna Oxa (visibilmente schifata dai nostri vani tentativi di cantare con lei )

15.00: dopo esserci ripetutamente perse siamo a vernicino…e io mi ritrovo in uno studio dentistico a passare il panno aspirapolvere…(come si chiama? Vabbè il panno aspirapolvere…e basta)

15.20: torno a casa… ho bisogno di pace…della mia isola felice…si è deciso appena torno a casa la chiamerò… e così faccio… una telefonata e poi l’appuntamento…alle  16.30 manila sarebbe venuta a prendermi…

Mentre la aspetto mi addormento seduta in bagno (giuro che e’ vero!)

16.45: uno squillo…Manila e’ arrivata! Scendo e sono l’immagine della felicità..ora andremo a fare merenda e poi in biblioteca…si si sono felice!

Manila parcheggia sulle strisce pedonali di fronte alla pasticceria… “ma che ci frega! – diciamo – tanto è provvisoria la cosa, dopo la spostiamo!) prendiamo il nostro cappuccino e risaliamo in macchina…

Bruuuuuuuuuuuuuuum

Bruuuuuuuuuuuum

Bruuuum

Bru

Br

B

La macchina e’ morta.

No no no no non ci posso credere! Non può essere Cristina, è solo un brutto sogno….provo a darmi un pizzicotto ma…cazzo fa male!…sono sveglia.

Manila mi guarda con occhi dolci : “cri devi spingere fino al parcheggio del centro commerciale”

“Manila ma…e’ lontano” “cri non c’e’ altra soluzione” “Manila ma ho la camicia bianca” “cri…” “ok”

Comincio a spingere… persone inferocite nella macchina che suonano  inveendo contro di noi,gente che ci guarda dal marciapiede… ma dove sono gli uomini di una volta?

Non vedete che c’e’ una ragazza alta si e no un metro e sessanta, piccola e con un espressione di dolore che sta spingendo una ka? Volete aiutarmi ? dio se esisti mettiti la tunica da lavoro e scendi tu ad aiutarmi…

Niente… nessuno, ne’ dal cielo ne’ dalla terra viene a darmi una mano. Continuo a spingere…la camicia e le mie mani sono grigie.

In tutto questo guardo l’abitacolo : Manila e’ li, comodamente seduta che parla al cellulare con la madre…e ridono… le dico che e’ una stronza…ride di più ma almeno attacca il cellulare… tempo due minuti e inizia a sudare dicendo che e’ stanca… “ora le do una capocciata” penso, mentre continuo a spingere la macchina verso Auchan…arriviamo alla meta.

Voglio morire, mi metto seduta accanto a Manila che si lamenta di quanto le facciano male le braccia (!!!) . sopporto in silenzio.

Poco dopo arrivano i suoi genitori sulla golf… l’immagine della tranquillità… una famiglia felice… e ci mettiamo tutti e 5 a spingere la macchina…che carini…sono felice di sentirmi parte della famiglia in questo momento…il padre di Manila con un salto Carpiato sale in macchina, fa non so cosa, e la macchina miracolosamente riparte…ci dice di andare via con la golf, fa una sgommata e se ne va.

Io torno a casa. Sono esausta.

mamma mi ha comprato un regalo…wow forse la giornata, anche se verso la fine, sta prendendo una piega giusta… dei calzini rossi. No ho capito… oggi forse è il caso di andare a letto presto…DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO

Annunci

Informazioni su C.

Amo le tecnologie e le tecnologie amano me. Project Managerr in Arkage. Mangio film, viaggio, a teatro improvviso, faccio cose, vedo gente.

Pubblicato il 16 gennaio 2007 su senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. Oddio Cri…….l\’ho letto e ho iniziato a ridire come una pazza….però devo fare un appunto…non hai scritto il soprannome che ti ho dato mentre trascinavi la mia macchina…ovvero ciuchino….bè cara la mia somarella,devi ammetterlo…. solo io ti posso far fare ste cose….era anche un modo x vendicarmi del fatto che nn andiamo mai in palestra e mi fai pagare a buffo!!! …ihihih………………manila!!!

  2. Siete delle troie a forma di minchia….ve lo siete meritate. Questa è la punizione divina per non avermi chiamato a studiare con voi.
    Se ci fossi stato io, grazie ai mie influssi benefici tutto questo non ssarebbe accaduto….anzi…il fatto che forse avrei dovuto spingere io la macchina da vero uomo che sono mi fa pensare che è andata bene così.
    Prendetevela nel culo…troiacce appassite. Haaaaaaaaaaaaaaa HA (citazione dei Simpson: Nelson).baci nel culo.

  3. peggio delle giornate mie…see ya !
    tigg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: