il primo freddo

 

on air : Miguel Bose – Morena mia

 

E’ arrivato finalmente il freddo… e così ho un’idea geniale : perché non congelare il mio unico neurone in attesa di un antidoto per allungargli la vita?

Bene, così ho ibernato il mio ultimo neurone e sono cominciati guai… voglio raccontarvi una cosa che mi è successa ieri per dimostrare questo:

 

C’è chi una o due volte all’anno decide di fare la dieta, chi vuole fare una buona azione, chi studia…

Io invece una o due volte l’anno decido di buttare l’immondizia e di fare qualcosa dentro casa.

 

Sabato mattina era uno di quei giorni lì, anche perché a casa c’era la donna delle pulizie… quindi ho pensato di scendere a fare la spesa. Prima di scendere mi dicono di buttare l’immondizia,io lo faccio.

Vicino al sacco dell’immondizia c’erano altri due sacchetti più piccoli, uno conteneva delle bottiglie e delle scatole di pizza, e l’altro un paio di scarpe… “sono quelle vecchie di mamma” ho pensato, così ho preso i tre sacchi e sono andati a buttarli nel cassonetto di sotto.

Vado a fare la spesa e dopo qualche momento catartico passato dal fruttivendolo torno a casa, mi stravacco sul letto e tempo due secondi arriva mia madre con la faccia allucinata…

“Dimmi che non è vero” mi dice…

Io la guardo, non proferisco parola, attendo che lei mi spieghi cosa stava succedendo… “non hai buttato delle scarpe vero? No perché erano di Anna ( la donna delle pulizie ) e non si trovano più, le aveva messe in una busta, in balcone”

 

Divento bianca in volto : sì, quelle scarpe erano nel cassonetto sotto casa.

Anna mi guardava, ai piedi dei calzini e delle ciabatte da lavoro.

Cosa fare????  Mi passano dei guanti… devo andarle a cercare giù , nel cassonetto.

Scendo giù ridendo e pregando che non mi veda nessuno…. Mi infilo nel cassonetto… no, non ci credo, non sto frugando tra pesce e avanzi per cercare le scarpe di Anna… e invece è cosi.

 

Morale : devo farmi gli affari miei e non aiutare a casa.

 

Ah…alla fine le scarpe non si sono trovate, c’era arrivato qualcuno prima di me. Anna l’ho accompagnata a casa in macchina, non poteva andare a casa così, con i calzettoni grigi…durante tutto il viaggi non facevo altro che dire “sono mortificata”… ma in realtà mi veniva solo tanto da ridere.

 

Sono tentata, credo che scongelerò il neurone, ne ho bisogno.

Annunci

Informazioni su C.

Amo le tecnologie e le tecnologie amano me. Project Managerr in Arkage. Mangio film, viaggio, a teatro improvviso, faccio cose, vedo gente.

Pubblicato il 21 ottobre 2007 su senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. Ahahahah sei la peggio! E sei proprio amica di Elena.. una cosa del genere poteva benissimo capitare anche a lei.. ma dico.. hai già trovato un negozio economico dove andare a comprare un nuovo paio di scarpe ad Anna?

  2. …. no le ho dato i soldi…era l\’unica!!!! O_o

  3. ma lo sai che quando cristina mi ha raccontato quello che le era successo..ho pensato che poteva benissimo capitare anche a me.. ahahahaah sabri mi conosci troppo bene.. ahahaha
    Cmq..devo dire che Cristina era veramente MORTIFICATA….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: